Pluripremiato il “Vaccarini” al  XIX Campus europeo. International  Award “Marco&Alberto Ippolito”.

premio della giuria

Si è svolto a  Reggio Calabria dal 29 SETTEMBRE al 3 OTTOBRE 2021 il  XIX International  Award “Marco&Alberto Ippolito” , il Campus europeo ideato e condotto da Leonardo Pangallo e Natina Cristiano e che da quasi due decenni fa incontrare studenti dall’Italia, dalla Romania, dalla Svezia, dal Portogallo, dalla Moldavia, dalla Bulgaria, dalla Polonia, dalla Germania, dalla Polonia, dalla Grecia, dalla Spagna. (vedi la locandina)

16_censored

Un incontro che conclude un percorso di studio e riflessione su un tema sociale e civico proposto all’inizio dell’anno scolastico e poi sviluppato tra laboratori di scrittura narrativa,  poetica  e cinematografica.

Un appuntamento speciale che dura per il ”Vaccarini” da sette anni. Speciale ancor di più quest’anno, perché recupera, ancora nel tempo dell’emergenza, in sicurezza, con cautela, la dimensione umanissima dell’incontro reale.

Studenti di 10 paesi europei hanno affrontato il tema “Io cresco. Mi trasformo. Sono”.

Hanno così raccontato  due anni diversi in cui il mondo è cambiato ed anche  loro sono cambiati e cresciuti. Cauti, critici, in osservazione di sé, della loro crescita in un mondo che va ripensato, in un’Europa che è opportunità da costruire anch’essa. Hanno discusso  di pace, della nuova percezione del tempo, della nuova percezione di valori antichi, primo fra tutti l’amicizia, di bullismi riemergenti e sempre più accesi, di un mondo segnato da violenza privata e sociale che prima mai avremmo immaginato, di incontri e scontri intergenerazionali, dell’impegno indifferibile per un pianeta asfissiato.

Con loro  ci sono  insegnanti, dirigenti delle scuole europee e le personalità eccellenti: il Prof. Gui, docente di Storia dell’Europa alla Sapienza di Roma; il Prof. Versace, esperto di fama mondiale  nell’ingegneria e tutela delle acque.

E infine arrivano i premi  per le   ragazze ed i   ragazzi del “Vaccarini”.

16_censored

Riceve il premio della Giuria il video “Contribuire con un verso” che racconta sogni, inquietudini e speranze del tempo dell’emergenza.

È stato realizzato dagli  studenti Simone Monaco, Federica Marsiano, Jacopo Caponnetto, Filippo Ficarra, Maria Pia Bassi, Claudio Schilirò, Anastasia Laviola, Damiano Montegrande, Virginia Amara, Claudia Leotta      (classi 3asa, 5asa, 5bsa, 5csa, 4ait) nell’ambito del progetto pon “Scuola aperta”, progettato dalla prof.ssa Pina Arena e nel quale hanno insegnato la docente progettista, la prof.ssa Maria Grazia Granata, la prof.ssa Laura Scarcella. La regia è stata curata dal giornalista e regista Giuseppe Lazzaro Danzuso.

 È premiato il racconto di Andrea Gangemi della classe 3asa: parla di un percorso di demolizione e ricostruzione di modelli e valori, in un confronto intergenerazionale.

È  premiata la foto di Martina Di Stefano (classe5asa)  che ritrae un’alba di fuoco dal titolo “Torneremo a riveder la luce”.

15

Ricevono medaglie d’onore le poesie di Irene Amore (classe 3asa) e di  Elisa Lo Presti (classe 5asa)che toccano i temi della fragilità del tempo e della trasformazione del corpo.

Il racconto e le poesie premiate sono state realizzate  nell’ambito del laboratorio di scrittura civica e creativa curato dalla prof.ssa Pina Arena.

Gli studenti Tiziano Militello, Andrea Gangemi, Claudia Leotta, Federica Marsiano hanno partecipato con le prof.sse Arena e Carmen Cusimano alle cinque  giornate reggine e assicurano che è stata un’esperienza che lascia il segno, fa crescere e star bene. E in questo tempo complesso e fragile  è un’esperienza di straordinario valore.

10

6

4_censored

Print Friendly, PDF & Email