Liberi come Attori con “We will rock you”

IMG_1884

Tutto è iniziato dall’idea di due studenti del “Vaccarini”, Antonino Giuffrida e Giuseppe Celano, che dopo un corso teatrale, insieme a Giovanni Di Mauro e Samuele Carcagnolo, hanno fondato la compagnia teatrale “Liberi come attori”, che vuole essere un esperimento di socializzazione, valorizzazione e potenziamento della creatività e delle capacità espressive dei ragazzi. L’esperienza è stata vissuta poi con grande entusiasmo  da tutti quelli che hanno scelto di partecipare: 20 all’inizio, con lo spettacolo “Sogna Ragazzo”, 42 con il secondo  spettacolo “We will rock you”, rappresentato pochi giorni fa al teatro “Sipario Blu”.

IMG_3039_nascosto13346213_10205017357272758_5054349614774246572_o_risultato

La storia è ambientata nel 2303 quando la terra si chiamerà Planet Mall e sarà governata dalla Globalsoft Corporation, una società tirannica, fondata su pubblicità e denaro.

Sul pianeta la musica   libera  è bandita, gli strumenti musicali sono vietati, e la musica è composta solo dai computer.

 

IMG_3106_risultato               13433267_10205017368553040_1338176314762003604_o_risultato

I due personaggi principali sono Galileo e Scaramouche , bohémiens che si uniranno ai ribelli, confidando  in una profezia che assicura  il ritorno della musica e del rock.

13416740_10205017359072803_6028941681640210733_o_risultato13422475_10205017360552840_6606570014535500141_o_risultato

A loro si oppone Killer Queen, il capo della Globalsoft. Tra perfide azioni, mprigionamenti e fughe,  la vicenda scorre fino al trionfo del rock.

 

13412094_10205017359472813_2245316421397706238_o_risultatoIMG_2960_risultato

Fa da filo conduttore l’indimenticabile musica dei Queen suonata da una band dal vivo.

IMG_3113_risultato      IMG_2863_platea

Grande la soddisfazione dei giovani artisti di fronte ad un applauso lungo con standing ovation. Il loro  ringraziamento speciale va alla prof.ssa Maria Maccora che ha sempre dato  il suo supporto per guidarli in questa azione di cultura, responsabilità e amore per la bellezza.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Share