Pluripremiato l’IIS “Vaccarini” all’International Award –“Marco e Alberto Ippolito”

20190413_105100

10-14 aprile 2019 , COSTANZA (Romania)

“Il Vaccarini” partecipa alla  XVII edizione del Campus europeo Fnism- International Award –“Marco e Alberto Ippolito”  e vive un’esperienza internazionale alla quale contribuisce con testi poetici e narrativi, con  la ricerca sociologica e video  che ha coinvolto tutta la scuola sul tema delle ”Parole da dire per coltivare l’umanità”.

Pluripremiato il contributo del gruppo  ”Vaccarini”: riceve il Premio “Katia Pangallo” la poesia “Ricordo” di Filippo Ficarra;  una menzione d’onore è assegnata alla poesia  “Ti urlerei il mio amore” di Valerio Maiure”; ottiene il secondo premio il  video “Parole da dire contro il femminicidio” che continua l’impegno della scuola sulle problematiche della violenza di genere.

Il Campus europeo Fnism  da vent’anni  fa incontrare giovani di dieci Paesi europei che si confrontano sul tema proposto in dibattiti e  conferenze, elaborando documenti e relazioni di gruppo.  Il documento  definitivo viene inviato alla Commissione  scuola del  Consiglio europeo a Bruxelles.

Hanno partecipato, guidati dalle professoresse Pina Arena e Maria Grazia Granata, gli\le  studenti Vittoria Nicosia, Valerio Maiure, Mirko Spampinato , Stefano Di Maria,  Samuel Russo, Filippo Ficarra  delle classi terza e quinta del   Liceo Scienze applicate e Sportivo.

Articolo online sull’evento

 Link del video

Articolo pubblicato dal quotidiano “La Sicilia”

Seguono i testi premiati:

Ti urlerei il mio amore

Ti urlerei il mio amore,

se avessi parole,

se avessi coraggio, fiato, ardore.

Ho paura, amore mio,  di dire

che sei amore spasimo desiderio ardore,

tutto. Infinito.

E l’infinito non ha parole.

 

I would scream my love for you

I would scream my love for you

if I had the words,

if I had courage, breath, ardor.

I am afraid, my love, to say

that you are love, spasm, desire, ardor

everything. Infinity.

And the infinity has no words

(Valerio Maiure)

 

Ricordo

Un prato verde e rotolavo giù,

senza pensieri, lieve,

sorriso di luce, bambino,

luce calda di estate,

alito di vento

spolvera i capelli.

Un abbraccio,

amore infinito: mia madre.

 

I remember

a green lawn and I rolled down,

thoughtless, soft,

smile of light, child,

warm summer light,

a soft wind

blows the hair away.

A hug,

smiling salvation for me,

endless love: my mother.

(Filippo Ficarra)

articolo

20190415_111936

a

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Share